Amaranto

con Nessun commento

AmarantoL’amaranto è stato coltivato come cereale per 8000 anni. Era un cibo importante per la dieta quotidiana degli Aztechi ed era utilizzato come parte integrante nelle cerimonie religiose azteche. L’amaranto, tecnicamente, non è un cereale come l’avena, il grano o il riso. Infatti, di solito lo si definisce “pseudo-cereale”, perchè i suoi valori nutrizionali sono molto simili.

L’amaranto è privo di glutine, ciò significa che fornisce una risorsa vitale alle milioni di persone celiache o intolleranti al glutine.

 

Benefici per la salute dell’amaranto:

  • Contiene più proteine degli altri cereali, e ciò è essenziale per la creazione e la crescita di cellule e tessuti.
  • E’ una buona fonte di lisina, amminoacido essenziale che il corpo non può produrre. La lisina aiuta a metabolizzare gli acidi grassi e a trasformarli in energia, e ad introdurre calcio.
  • I semi e oli di amaranto contengono fibre che contribuiscono ad abbassare il colesterolo, a promuovere una buona digestione e a facilitare un’efficace assunzione di minerali.
  • E’ anche un’ottima fonte di vitamine essenziali, tra cui la vitamina C, ma è soprattutto ricco di vitamina E, ferro, magnesio, fosforo e potassio, che sono necessari per la salute generale.
  • Supporta la salute cardiovascolare: con un alto contenuto di fibre dietetiche, aiuta a bilanciare il colesterolo, eliminando il colesterolo “dannoso” dal sistema cardiovascolare. Inoltre, l’amaranto contiene una grande quantità di vitamina K, che è promotrice della salute cardiaca.

 

In cucina:

  • L’amaranto, come la maggior parte di semi, noci e cereali, contiene acido fitico, una molecola di deposito di fosforo che può legarsi a molti minerali che ci impediscono di digerire ed utilizzare nutrienti vitali. Per questo, è sempre meglio mettere a mollo, far fermentare o germogliare semi e cereali prima di cuocerli in modo da neutralizzare l’acido fitico.
  • Se volete cuocerlo, fate bollire molta acqua (sei tazze di acqua per ogni tazza di amaranto), poi cuocetelo e mescolatelo per 15-20 minuti, scolatelo e sciacquatelo.
  • Può essere utilizzato come inusuale addensante per salse, zuppe, stufato e anche gelatine.
  • Mangiato come snack, l’amaranto ha un aroma alla nocciola, leggero, pepato e anche un po’ croccante.

 

Fonti:

https://en.wikipedia.org/wiki/Amaranth_grain
https://en.wikipedia.org/wiki/Amaranth
http://lajollamom.com/amaranth-grain-leaves-health-benefits/
https://www.organicfacts.net/health-benefits/vegetable/amaranth.html
http://www.sunwarrior.com/healthhub/11-health-benefits-of-amaranth
http://wholegrainscouncil.org/whole-grains-101/health-benefits-of-amaranth
http://foodfacts.mercola.com/amaranth.html
http://www.healwithfood.org/health-benefits/amaranth-grains-leaves.php

 

 

 

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese